I colori : la simbologia e il loro impiego a scopo terapeutico

Cosa sono i colori e qual è il loro significato simbolico?

Dal punto di vista scientifico il colore è una percezionevisiva delle onde elettromagnetiche riflesse dai corpi, come riporta ildizionario. In realtà possiamo percepire solo una piccola parte di questospettro, e quindi una porzione limitata di colori, ovvero quello compreso tra400 e 790 Terahertz. Ma occhio, si tratta pur sempre di moltissime sfumature.

L’espressione “spettro” venne introdotta per la prima voltada Isaac Newton, ricercatore che dimostrò che la luce è formata dalla sommadelle frequenze dei colori. Newton individuò 7 colori principali: rosso,arancione, giallo, verde, blu, indaco e viola, anche se oggigiorno siamo solitiindividuare i 3 colori primari, rosso, giallo e blu, che non si generano apartire da altri colori, e i 3 colori secondari, quelli derivanti dallacombinazione dei primari, ovvero arancione, viola e verde. Si distinguonoinoltre colori caldi, rosso, arancione e giallo, e colori freddi,azzurro, indaco e violetto. Mentre il verde occupa una posizione centrale tracolori freddi e caldi, corrispondendo pertanto all’equilibrio.

La simbologia dei colori

A livello simbolico i colori sono importantissimi tant’èvero che esistono diverse discipline che se ne occupano, a partire dallacelebre cromoterapia, terapia del colore, secondo la quale i colori hannola capacità di influenzare il nostro stato d’animo. Difatti si ricorre spessoad alcuni principi della cromoterapia nella scelta dei colori degli ospedali edegli ambienti domestici. Ogni colore infatti si caratterizza per alcuneproprietà specifiche e, quindi, può essere impiegato per intervenire sualcuni disturbi favorendo il benessere psicofisico.

Esistono però delle differenze di significato a secondadelle varie culture: se il bianco in Occidente è associato alla purezza e allaluce limpida, in Cina per esempio è considerato colore del lutto, della morte edel decadimento. Il nero invece ha spesso accezione negativa sebbene siaconsiderato anche come assenza di colori e quindi, associato al caosprimigenio, al nulla da cui la vita ha inizio. Il rosso, colore utilizzato findai primordi, ha un valore duplice, perché se da un lato si ricollega allavita, dall’altro indica aggressività, violenza e morte.

La cromoterapia, o terapia del colore, utilizza icolori per curare alcuni disturbi fisici e psicologici, partendo dalpresupposto che essi favoriscano l’equilibrio tra psiche e corpo. Ma di fattocosa fa la cromoterapia? Studiando il significato dei colori, ne sfrutta leproprietà di tipo terapeutico per intervenire su disturbi ad ampio spettro. Peresempio aiuta a riequilibrare i chakra, allevia disturbi di tipo psicosomatico,contribuisce a influenzare l’umore e per questo viene spesso utilizzata anchenell’arredamento. Ma non è la sola disciplina a sfruttare il potereterapeutico dei colori, ne esistono molte altre, basti pensare allacuriosa cromodieta, alimentazione basata su cibi di colori specifici, eancora alla cromopuntura, che prevede l’irradiazione di determinati coloriattraverso lampade o filtri su specifiche parti del corpo da trattare, l’Aura Soma.

Il significato dei colori

Come premesso, le simbologie dei colori variano di culturain cultura, prenderemo quindi in considerazione i significati più comuniin Occidente.

NeroE’ solitamente associato al male, alla morte, a ciò che nonconosciamo e, quindi, temiamo. Ma anche al caos primigenio, grazie alquale si genera la vita. Era anche associato a Saturno, il Signore del tempo.

BiancoConsiderato come opposto del nero, qui in Occidente è associato alla purezza,alla luce, alla nascita, alla verginità. Nei racconti simboleggia le forzebenefiche, anche gli angeli vestono di bianco e le piume di questo colore sonoconsiderate di buon auspicio.

RossoIl rosso è un colore ambivalente, molto usato anche nei disegni rupestri. Ingenerale viene associato alla vita in quanto colore del sangue, ma è anche coloredel sacrificio, come si può notare nell’ambito dell’Eucarestia che ricorre alvino rosso come sostituto del sangue di Cristo. Ma il rosso è anche legatoall’elemento Fuoco, che è al tempo stesso buono e cattivo poiché scalda eporta la luce ma può anche distruggere. Come d’altronde il sangue che, sescorre nel corpo, è vitale, se fuoriesce dal corpo indica morte. In astrologiaè associato al dio Marte, che com’è noto simboleggia la guerra, ed è infattiassociato all’aggressività e per questo evitato, per esempio, in camera daletto ove non concilia il buon sonno.

ViolaE’ il colore in cui gli opposti coincidono, associato alla trasformazione,alla magia, al mistero e alla spiritualità. Simboleggia anche l’arte e lafantasia, l’occultismo e gli aspetti arcani dell’esistenza.

BluE’ un colore che simboleggia la pace, la tranquillità, la serenità,molto diffuso in ambito religioso, basti pensare a molte Moschee e in ambitocristiano, alla Madonna, il cui blu simboleggia le qualità compassionevoli,devote e materne, poiché è anche colore dell’acqua di cui siamo composti e dacui prendiamo vita. Difatti è anche un colore purificatore.

GialloSimboleggia l’ottimismo, la positività, la serenità, l’energia, è ilcolore della luce, del calore, è generatore di vita e principio creativo.

VerdeE’ il colore dell’equilibrio e della perseveranza ma anche della natura, deglispiriti dell’acqua, del mondo popolato da folletti, fate e altre creaturemagiche. E’ associato alla libertà, basti pensare all’abito indossato da PeterPan. Nelle sue tonalità più scure assume un’accezione più tenebrosa, ricordandole foreste ombrose e spaventose.

ArancioneE’ un colore equilibrato che simboleggia l’altruismo, l’energia fisica ementale, la creatività. I buddisti ne fanno uso nell’abbigliamento perché aquanto pare indica il distacco dalle passioni di tipo carnale e terreno.